Come creare un piano alimentare: la guida completa passo passo

Imparare a creare un piano alimentare è un'abilità preziosa che gioverà sia a te, in quanto professionista della nutrizione, sia ai tuoi clienti. Ecco qui la guida completa passo passo per aiutarti a creare piani alimentari che i tuoi clienti effettivamente rispetteranno.

Creare piani alimentari realistici ed efficaci è una delle cose più importanti che tu possa fare per i tuoi clienti. Quando crei un piano alimentare personalizzato e lavori con loro in maniera individuale, li stai aiutando a sentirsi supportati e guidati nel prendere le decisioni giuste per i loro obiettivi di salute.

Tuttavia molti professionisti della nutrizione evitano di creare piani alimentari, perché può essere un compito scoraggiante e per di più tendono a essere noiosi, con il rischio che i clienti non li seguano se non sono in linea con il loro stile di vita o le loro preferenze alimentari. Tutto ciò provoca un senso di frustrazione sia per il professionista che per il cliente.

Quindi come puoi elaborare un ottimo piano alimentare che sostenga gli obiettivi di salute e di benessere del tuo cliente e che sia al tempo stesso rispettato? Prima di scoprire come creare un piano alimentare, cerchiamo di capire quali sono i suoi vantaggi e perché dovresti considerarne il suo utilizzo nella tua attività nutrizionale.

Vantaggi dei piani alimentari

Sia che i tuoi clienti vogliano aumentare la massa muscolare, dormire meglio, migliorare le difese immunitarie o mangiare più verdure, i piani alimentari possono essere uno strumento prezioso per aiutare i tuoi clienti a raggiungere i loro obiettivi di salute e di benessere. Di seguito sono elencati altri vantaggi dell'uso dei piani alimentari nella tua attività nutrizionale.

1. Riducono lo stress

Un piano alimentare personalizzato elimina ogni congettura legata al cibo, in quanto fornisce ai tuoi clienti uno schema specifico di cosa (e quando) mangiare. Inoltre aiuterà ad alleviare l'ansia che i tuoi clienti potrebbero avere nei confronti del cibo e della cucina, in quanto non saranno stressati per ogni pasto.

2. Fanno risparmiare denaro

Avere un piano alimentare semplificherà il compito del tuo cliente di recarsi al supermercato, in quanto saprà quanto acquistare di ogni prodotto in base a ciò che tu (come professionista della nutrizione) hai stabilito per lui. In questo modo aiuterai il cliente ad eliminare gli acquisti impulsivi e a fargli risparmiare denaro a lungo termine.

3. Prevengono gli sprechi alimentari

Quando i clienti seguono un piano alimentare personalizzato, avranno meno probabilità di sprecare il cibo, perché l'obiettivo sarebbe quello di mangiare ciò che è stato indicato.

4. Fanno risparmiare tempo

I piani alimentari possono davvero far risparmiare tempo quando si tratta di pianificare il futuro. Che si tratti di preparare i pasti, cucinare in serie o fare la spesa in anticipo, i tuoi clienti possono decidere cosa funzioni meglio per loro e organizzarsi di conseguenza per rimanere sulla buona strada.

Guida passo passo per creare un piano alimentare

Può sembrarti scoraggiante creare un piano alimentare per i tuoi clienti, ma seguendo il nostro procedimento passo passo, potrai elaborare un piano semplice e facile da seguire che i tuoi clienti rispetteranno.

1° passo: Effettuare una valutazione nutrizionale

Prima di iniziare il procedimento di elaborazione del piano alimentare, dovresti prendere nota dell'altezza, del peso, del BMI e dell'attuale apporto nutrizionale del tuo cliente per determinare le sue esigenze nutrizionali e sostenere i suoi obiettivi di salute e di benessere. In questo modo potrai valutare eventuali carenze nutrizionali che vuoi risolvere con il piano alimentare.

Tuttavia è importante capire che ogni cliente avrà esigenze nutrizionali distinte, dal momento che ognuno di noi è diverso. Per questo motivo è importante lavorare individualmente con i clienti per determinare ciò che funziona meglio per i loro obiettivi e per la loro salute in generale. Partendo da questo presupposto, ecco qui alcune linee guida generali da prendere in considerazione prima di creare un piano alimentare personalizzato.

  • Fabbisogno energetico: Un adulto sano con uno stile di vita moderatamente attivo necessita in media di circa 2200 - 2600 kcal al giorno per mantenere il proprio peso ed essere adeguatamente nutrito, sebbene una persona molto attiva possa richiedere in media fino a 2600 - 3100 kcal al giorno (a seconda che si tratti di una donna o di un uomo) [1].

  • Carboidrati: Secondo la IV Revisione dei Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana (LARN), l’ intervallo di riferimento (RI) dei carboidrati è di 45 - 60% dell’energia totale della dieta (En). In caso di attività fisica intensa, può essere accettato il limite superiore di intervallo pari al 65% En [1].

  • Proteine: Secondo la IV revisione dei LARN, un adulto sano dovrebbe assumere 0,90 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo al giorno [1].

  • Lipidi: Secondo la IV revisione dei LARN, l’ intervallo di riferimento (RI) dei lipidi è di 20 - 35% En [1]. Tuttavia, se il cliente è molto attivo, si raccomanda che il 30% dell'apporto calorico giornaliero provenga da grassi monoinsaturi e polinsaturi [2].

  • Fabbisogno d’acqua: Per un'idratazione ottimale, si consiglia di bere 2 - 2,5 L al giorno (a seconda che si tratti di una donna o di un uomo) [1]. Tuttavia, gli atleti e le persone attive possono aver bisogno di una quantità maggiore a seconda del loro livello di attività.

Consiglio professionale: il software nutrizionale di Nutrium ti aiuta a tenere queste informazioni in un unico posto, in modo da poter fornire la migliore assistenza nutrizionale ai tuoi clienti.

2° passo: Fare una ricerca più approfondita

Un altro fattore importante da considerare prima di creare un piano alimentare personalizzato è la valutazione delle abitudini culinarie e alimentari del cliente. Dopo tutto se non dedichi del tempo a capire lo stile di vita, gli obiettivi e le preferenze alimentari del tuo cliente, potresti finire per creargli un piano alimentare a cui non si atterrà.

Ecco qui alcune domande da porgere che vanno al di là del fabbisogno specifico di nutrienti:

  • Quali sono i tuoi alimenti preferiti e quelli meno graditi?
  • Quanto tempo hai a disposizione per cucinare ogni giorno?
  • Come si svolge la tua routine quotidiana?
  • Hai qualche allergia?
  • Qual è il tuo budget tipico per la spesa?
  • Ci sono altre persone nel tuo nucleo familiare da tenere in considerazione?
  • Che cosa potrebbe impedirti di condurre uno stile di vita più sano?
  • Hai degli obiettivi specifici (fisici, mentali o di altro tipo)?

Queste domande possono aiutarti a capire meglio le abitudini alimentari del tuo cliente, in modo da poter formulare un piano alimentare personalizzato che si adatti al suo stile di vita.

3° passo: Creare un modello generale

Ora che hai raccolto alcune informazioni importanti, è il momento di iniziare a elaborare un piano alimentare che si adatti allo stile di vita del tuo cliente e che lo aiuti a raggiungere i suoi obiettivi di salute e di benessere.

Anche se è possibile farlo a mano, è più facile utilizzare un software nutrizionale in grado di svolgere parte del lavoro pesante. Nutrium infatti ti permette di creare in modo semplice, veloce e intuitivo i piani alimentari, per adattarli meglio agli obiettivi, ai livelli di attività, al budget per la spesa, alle preferenze dello stile di vita e ad eventuali allergie o intolleranze che il cliente possa avere.

Nutrium offre anche una ripartizione dei macro e micronutrienti per ogni ricetta e piano alimentare, in modo da poter garantire che i tuoi clienti soddisfino le loro esigenze nutrizionali.

4° passo: Creare una lista della spesa

Grazie all'app mobile di Nutrium, viene generata automaticamente una lista della spesa per ogni cliente in base al piano alimentare che hai creato ad hoc per loro. Per saperne di più su come funziona, consulta il nostro tutorial passo passo.

5º passo: Fare il punto della situazione, monitorare e apportare miglioramenti

Seguendo i tuoi clienti tra una visita e l'altra, hai l'opportunità di vedere cosa funziona e cosa no. In questo modo puoi fornire raccomandazioni immediate o altri suggerimenti utili per dare supporto ai tuoi clienti fino alla prossima visita di controllo.

Durante queste visite di controllo, sentiti libero di chiedere ai tuoi clienti il loro feedback sul piano alimentare e di apportare le modifiche necessarie per aiutarli a rispettare le tue raccomandazioni. Ricorda loro che, sebbene sia normale avere qualche difficoltà, è importante concentrarsi su piccoli obiettivi e festeggiare queste vittorie. In questo modo i tuoi clienti si sentiranno ascoltati e allo stesso tempo entusiasti di continuare a lavorare con te sui loro obiettivi.

La creazione di piani alimentari può essere un compito scoraggiante, ma seguendo questi passi sarai in grado di creare un piano alimentare personalizzato che aiuterà i tuoi clienti a soddisfare le loro esigenze nutrizionali e a raggiungere i loro obiettivi di salute.

Riferimenti bibliografici:

  1. Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU). Tabelle LARN 2014. Available at https://sinu.it/tabelle-larn-2014/

  2. Pramuková, B., Szabadosová, V., & Soltésová, A. (2011). Current knowledge about sports nutrition. The Australasian medical journal, 4(3), 107–110. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3562955/